Spionaggio russo, il figlio di Biot: "Me ne andrei di casa, ma devo aiutare mia madre e le mie sorelle"

Il figlio maggiore di Walter Biot, il comandante di fregata accusato di spionaggio, aspetta madre e sorella fuori dalla loro villetta nella campagna alle porte di Pomezia. Sono andate a cercare un avvocato esperto di giustizia militare, ma il ragazzo, 24 anni, senza lavoro, teme che costerà troppo: rate di assicurazioni e mutuo, 4 figli e 4 cani pesano tutti su un solo stipendio. "Non so cosa ha fatto mio padre, però so che lo ha fatto per la famiglia", dice
 
Intervista di Romina Marceca

Gli altri video di Mondo