Alcolici contraffatti, il procuratore De Nicolo: agito grazie a collaborazione internazionale

«Il crimine oggi non conosce confini, lo ha abbiamo visto con questa operazione, e dunque sarebbe assurdo che i confini ci fossero per i magistrati, visto che il segreto per smascherare e snidare il crimine, che oggi è liquido e viaggia sul web, è agire in una cooperazione internazionale, dobbiamo collaborare". Lo ha detto il procuratore di Udine, Antonio De Nicolo, alla conferenza stampa dell'operazione «sine finibus". «Ci sono molti scettici sul funzionamento delle istituzioni europee - ha proseguito - ma ribadisco che la collaborazione tra magistrati e forze di polizia a livello europeo c'è e funziona molto bene, ed è stata fondamentale per il successo di questa operazione partita da Udine". Il procuratore ha ammesso che «la difesa di qualche indagato potrebbe contestare la nostra competenza, è suo pieno diritto e lo posso capire, ma a noi interessava smascherare il fenomeno e colpirlo". Infine, De Nicolo ha auspicato che «l'amministrazione giudiziaria possa trarre beneficio da un'indagine di questo tipo, interrogandosi su quale sia oggi la struttura di un reato associativo, che non comporta più la necessità che gli associati si conoscano: una piccola rivoluzione culturale, davanti alla quale i criminali ci mettono e alla quale dobbiamo essere preparati" (Video di Laura Pigani)

Gli altri video di Cronaca locale