Anno giudiziario, il pg Riello: "La politica non candidi più ladri e corrotti"

All’inaugurazione dell’anno giudiziario al Maschio Angioino di Napoli applausi per il discorso del procuratore generale di Napoli Luigi Riello che, nell’analisi del fenomeno camorristico attuale e della sua commistione con l’imprenditoria, sferza duramente la politica. “Non si dovrebbero attendere le manette per estromettere personaggi squallidi e spregiudicati. La politica deve riappropriarsi del suo primato”. E sul radicamento della malavita nella società civile commenta il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Esiste ancora un controllo molto forte del territorio ma la cittadinanza ha scelto da che parte stare non significa che abbia vinto”. E sulla magistratura. “Esiste una questione morale su cui l’Anm è sempre vigile – commenta Vincenzo Ranieri, presidente Anm Napoli –pronti quando necessario a fare autocritica”
 
Emanuela Vernetti

Gli altri video di Cronaca